Feed RSS

Archivi tag: blog

occhioditetta

Questa è la triste storia di un blogger del sud che cercava foto di nudo in rete per rivenderle. Quando infine fecero irruzione in casa sua lo trovarono già ammanettato perchè stava giocando a fare il sottomesso con una mistress di Cagliari. Fu l’ arresto più facile della storia della Polizia.

Paesaggi dell’anima

Il blog NUMBER ONE!!!

Il Paese è sull’ orlo della crisi

Il Parlamento va in ferie.

I blogger in crisi no.

L’ ANTIROMANISTA

Il paziente PSI 8 odiava la Roma in modo del tutto anormale. Non contento di predicare l’ odio contro il club giallorosso per strada, in casa, alla fermata dell’ autobus ecc. ecc. aprì un blog sulla piattaforma di ********** . Chiamò il blog “ODIO ETERNO PER LA ROMA” e il sottotitolo era “A MORTE I GIALLOROSSI”. Lo psichiatra che lo aveva in cura da anni lo lasciò fare ma di tanto in tanto dava una sbirciatina ai post. All’inizio si pensava che fosse una cosa innocua ma poi l’odio patologico per la Roma si mischiò con l’ intenet-dipendenza e fu un bel pasticcio. Quando la connessione cadeva diventava una furia e poteva anche aggredire i passanti. In poche parole precipitava in una doppia crisi di astinenza. Le sue due droghe erano infatti l’ odio per la Roma e il suo blog.

Fu curato in una clinica russa specializzata in disturbi bipolari della personalità.

Del suo rapporto morboso con la classifica dei blog interna a quella piattaforma parleremo diffusamente in un altro post.

Siamo famosi

Paesaggi dell’anima WordPress è un blog talmente famoso che la gente si scambia il nostro indirizzo tramite e-mail.

“Va’ a vedere questo blog. L’ indirizzo è https://paesaggidellanima.wordpress.com”.

La gente parla di noi nei bar, nei giardini pubblici, sulle spiagge.

CONTINUATE A SEGUIRCI

NOI VI LOVVIAMO VERIMUC

Aumenta la tua visibilità (Post sottaceto)

Tatuati l’indirizzo del blog sul culo e va in spiaggia.

L’uomo che attraverso un blog era DIVENTATO Vasco Rossi

Cari amici ma soprattutto carissime amiche,

questa è una storia tristissima e pietosissima. Scordatevi la piacevolezza delle metamorfosi di Ovidio. Qui si tratta di una storia che ha più a che fare con il mondo dei manicomi e soprattutto con la loro chiusura.

Questo uomo è DIVENTATO Vasco Rossi grazie a un blog. Pensava come lui, rispondeva come lui, ogni post per lui era un concerto, le sue commentatrici erano le sue fan. State già piangendo vero?

La triste sorpresa è stata quando gli hanno spiegato che i manicomi erano stati chiusi però c’erano i reparti di psichiatria dell’ ospedale.

Ma vi racconterò più nel dettaglio la storia di questo povero alienato nei seguenti post.

FRATELLI COLTELLI, PARENTI SERPENTI, BLOGGER ASTIOSI, BLOGGER DI ASTI, IL LIVORE NELLE ALLUSIONI, L’INVIDIA DEL PENE, LE ILLAZIONI, TIRARE IL SASSO E NASCONDERE LA MANO

E’ inutile  celare il fatto che alcuni blogger sono dominati in maniera rigida e pervasiva da manie di persecuzione, timori per il futuro, paura continua di subire un tradimento coniugale anche da amici che credevano di aver sottomesso in rapporti sadomaso (e che poi vanno a letto con la moglie; hai capito questi “schiavetti”). Seguendo una certa psicodinamica, ma solo come fosse antani, queste caratteristiche della personalità sono di solito attribuibili ad un abuso e dipendenza di tecnologie, spropositato sviluppo di meccanismi di difesa, deliri, nevrosi, psicosi, impotenza, desiderio nascosto di bukkake. Il blogger malato attribuisce agli altri quello che è il suo universo di paranoie. Tutto può ostacolare la sopravvivenza del proprio blog e tutti sono dei potenziali nemici fino ad arrivare a dire che il panettiere è un blogger rivale che vuole scoparsi sua moglie (ma solo per danneggiare il suo blog). E se volesse scoparsela perchè è una bella gnocca annoiata da un marito dipendente da tecnologie e non c’entrasse nulla il blog?

Paesaggi dell’ anima. Il blog numero uno. Il blog definitivo.

Paesaggi dell’anima (WordPress) , libero di scegliere il meglio.

Blogger sicofanti

Nella piattaforma ***************** del pianeta ********************* ce n’è una marea. Basta una battuta, un po’ di satira e subito parlano di magistrati, poliziotti, denunce, carceri, risarcimenti ecc. ecc.

Poveretti, si vede che hanno bisogno di soldi.

Potrebbero chiedere la carità, ci farebbero miglior figura.